L’auto del futuro dovrà difendersi dagli hacker

Carlo Del Bo |International Security Advisor

Grazie all’evoluzione tecnologica e a grande richiesta del pubblico, le vetture d’ultima generazione trovano in internet un partner irrinunciabile: è così che ad esempio possono fungere da hot spot Wi-Fi tramite sim card integrate, oppure da semplice ripetitore per la telefonia mobile, spesso replicando in vettura alcune app originariamente progettate per gli smartphone.

Ogni conquista ha però il suo prezzo. L’accesso alla rete non è mai a senso unico, e nessun dispositivo è veramente “chiuso”. Questo il parere di Carlo Del Bo, executive advisor presso BizEmpowerment SA di Lugano e da oltre 25 anni security manager e specialista della cyber defense: «L’accesso al web porta in dote, inevitabilmente, una vulnerabilità. Non importa quale sia lo strumento che accede alla rete. Recenti attacchi hacker negli States, ad esempio, hanno avuto come vittime frigoriferi e televisori connessi a internet. Elettrodomestici che, contrariamente ai PC, nella stragrande maggioranza dei casi non sono…

View original post 272 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...